ROSSO MONTALCINO DOC 2011

Altre viste

ROSSO MONTALCINO DOC 2011

Codice: BARBI003

Disponibilità: Non disponibile

€ 11,50

Questo rosso nasce dalla stessa uva del Brunello, il Sangiovese allevato a Montalcino, e proviene da quei vigneti giovani che danno vini profumati ed eleganti ma non così tannici e corposi. Anche se non diventerà mai un Brunello, nemmeno invecchiandolo a lungo, è comunque un grande vino della stessa famiglia e della stessa zona, che migliora con gli anni ed ha grande serbevolezza.


Analisi Sensoriali - Colore: rosso rubino vivace. Profumo: intenso, ciliegia e piccoli frutti rossi, lievi sfumature di fiori e spezie. Gusto: bocca distesa, ritmata da tannini dolci e da una buona grinta acida. Piacevole e di pronta beva. 

o

Questo rosso nasce dalla stessa uva del Brunello, il Sangiovese allevato a Montalcino, e proviene da quei vigneti giovani che danno vini profumati ed eleganti ma non così tannici e corposi. Anche se non diventerà mai un Brunello, nemmeno invecchiandolo a lungo, è comunque un grande vino della stessa famiglia e della stessa zona, che migliora con gli anni ed ha grande serbevolezza.

Analisi Sensoriali - Colore: rosso rubino vivace. Profumo: intenso, ciliegia e piccoli frutti rossi, lievi sfumature di fiori e spezie. Gusto: bocca distesa, ritmata da tannini dolci e da una buona grinta acida. Piacevole e di pronta beva. 

Ulteriori informazioni

Prodotto da Barbi
Gradazione Alcoolica 13%
Uvaggio 100% Sangiovese
Azienda La Fattoria dei Barbi si estende per 306 ettari tra Montalcino e Scansano. Stefano Cinelli Colombini, erede dell'antica stirpe senese presente a Montalcino dal 1352, gestisce questa proprietà di famiglia. La cantina dei Barbi con le sue 300 botti in legno e le migliaia di bottiglie di Brunello in affinamento, è aperta al pubblico da oltre 50 anni. In questo periodo oltre un milione e mezzo di amanti del vino hanno visitato le sue sale, ammirando tra l'altro la collezione di bottiglie che va dal 1870 ai giorni nostri, testimonianza di una continuità che la rende unica in Italia. I Brunelli della Fattoria dei Barbi hanno ricevuto premi in tutta Europa dalla fine dell'800, e ancora oggi ne vincono in tutto il mondo. La Fattoria dei Barbi è sempre stata una custode della tradizione, ma anche attenta all'innovazione e pioniera in ogni campo dell'enologia: è stata la prima ditta montalcinese ad esportare vini in bottiglia in Francia (1817), la prima a vendere per corrispondenza il Brunello (1832), la prima ad esportarlo in America (1962), in Inghilterra (1969) ed in Giappone (1975), ha vinificato il primo "Super Tuscan" (Brusco dei Barbi, 1969) e creato la prima grappa monovitigno (Grappa di Brunello, 1974). Negli anni 60 l'azienda è stata tra i pionieri della concimazione organica, negli anni 90 ha creato il primo "naso artificiale" per l'analisi del vino e nel 2000 è stata tra i primi ad usare la CO2 per fermentare a freddo i vini rossi.
Abbinamenti Perfetto con carni bianche e rosse arrosto o grigliate, formaggi e piatti al tegame
Biologico -
Regione Toscana

Recensioni utenti

Scrivi la tua recensione

Altre persone hanno contrassegnato questo prodotto con questi tag:

Usa gli spazi per tag separati. Usa apostrofi singoli (') per frasi.