BAROLO CASTELLERO

Altre viste

BAROLO CASTELLERO

Codice: BREZZA002

Disponibilità: Non disponibile

€ 28,00

Caratteristiche morfologiche del terreno. La formazione geologica che maggiormente caratterizza questo vigneto sono le cosiddette ARENARIE DI DIANO originatesi nell'Elveziano da correnti di torbido sottomarine. Questo terreno si presenta più sabbioso dei Cannubi e da un vino di buona struttura non sempre equilibrato soprattutto quando è ancora giovane. È infatti consigliato per il consumo dal sesto anno in avanti nelle grandi vendemmie.


Sistema di vinificazione. È la tipica vinificazione riservata alle uve Nebbiolo provenienti dalle sottozone altamente vocate (es: Cannubi). Le uve suddette vengono vinificate a parte soltanto nelle annate che risultano di buon livello qualitativo. Diversamente nei piccoli anni concorrono assemblate a uve Nebbiolo provenienti da altre sottozone (Cannubi, Sarmassa) alla formazione del Barolo senza indicazione del vigneto.


Come consumarlo
Se si ha una buona cantina di stoccaggio nelle annate eccezionali i Baroli provenienti dalle sottozone (Castellero, Cannubi, Sarmassa) sarebbe meglio non bere prima del sesto anno a partire dalla vendemmia, poichè in tal caso si perderà tutta quell'ampiezza di profumi che hanno origine dall'affinamento in bottiglia tanto apprezzati nei grandi rossi da invecchiamento.

o

Caratteristiche morfologiche del terreno. La formazione geologica che maggiormente caratterizza questo vigneto sono le cosiddette ARENARIE DI DIANO originatesi nell'Elveziano da correnti di torbido sottomarine. Questo terreno si presenta più sabbioso dei Cannubi e da un vino di buona struttura non sempre equilibrato soprattutto quando è ancora giovane. È infatti consigliato per il consumo dal sesto anno in avanti nelle grandi vendemmie.

Sistema di vinificazione. È la tipica vinificazione riservata alle uve Nebbiolo provenienti dalle sottozone altamente vocate (es: Cannubi). Le uve suddette vengono vinificate a parte soltanto nelle annate che risultano di buon livello qualitativo. Diversamente nei piccoli anni concorrono assemblate a uve Nebbiolo provenienti da altre sottozone (Cannubi, Sarmassa) alla formazione del Barolo senza indicazione del vigneto.

Come consumarlo
Se si ha una buona cantina di stoccaggio nelle annate eccezionali i Baroli provenienti dalle sottozone (Castellero, Cannubi, Sarmassa) sarebbe meglio non bere prima del sesto anno a partire dalla vendemmia, poichè in tal caso si perderà tutta quell'ampiezza di profumi che hanno origine dall'affinamento in bottiglia tanto apprezzati nei grandi rossi da invecchiamento.

Ulteriori informazioni

Prodotto da Az. Agr. Brezza
Gradazione Alcoolica 14%
Uvaggio Nebbiolo 100%
Azienda L'azienda agricola Brezza proprietaria di vigneti in Barolo già dal 1885 prese il nome da Giacomo Brezza il quale per primo insieme al padre Antonio intorno al 1910 mise il vino in bottiglia. Situata a pochi passi dal centro del piccolo comune di Barolo si trova immersa nei vigneti come anche l'adiacente Ristorante e Albergo di proprietà anch'esso della famiglia.

Attualmente la conduzione dell'azienda, che si estende su di una superficie di ventidue ettari di terreno dei seidici e mezzo a vigneto, dodici e mezzo nel comune di Barolo, uno nel comune di Monforte, uno nel comune di Novello e due in quello di Alba é ormai demandata alla quarta generazione.
Abbinamenti -
Biologico -
Regione Piemonte

Recensioni utenti

Scrivi la tua recensione

Altre persone hanno contrassegnato questo prodotto con questi tag:

Usa gli spazi per tag separati. Usa apostrofi singoli (') per frasi.