Barbera Carabas - Luretta

Altre viste

BARBERA CARABAS 2007

Codice: LURETTA006

Disponibilità: Non disponibile

€ 16,90

Eleganza e austerità.


I secoli di storia e tradizione agricola che ci precedono trovano espressione perfetta attraverso questo vitigno dalle antichissime origini che ha attraversato varie epoche per arrivare fino a noi. Barbera è uno dei più nobili vitigni italiani conosciuto in ogni parte del mondo.


È la storia di Piacenza che arriva nel nostro bicchiere con i suoi sentori di terra e frutti rossi ben modulati dall'immancabile rapporto col legno, eterno compagno.


Note di degustazione


Colore: rosso intenso


Naso: intensi sentori di frutta rossa e confettura


Palato corposa sensazione di dolci tannini e fresca ciliegia matura

o

Eleganza e austerità.

I secoli di storia e tradizione agricola che ci precedono trovano espressione perfetta attraverso questo vitigno dalle antichissime origini che ha attraversato varie epoche per arrivare fino a noi. Barbera è uno dei più nobili vitigni italiani conosciuto in ogni parte del mondo.

È la storia di Piacenza che arriva nel nostro bicchiere con i suoi sentori di terra e frutti rossi ben modulati dall'immancabile rapporto col legno, eterno compagno.

Note di degustazione

Colore: rosso intenso

Naso: intensi sentori di frutta rossa e confettura

Palato corposa sensazione di dolci tannini e fresca ciliegia matura

Ulteriori informazioni

Prodotto da Luretta
Gradazione Alcoolica 13,5%
Uvaggio Barbera 100%
Azienda A volte prima del vino, viene l’idea.

Si può nascere in un luogo e rimanervi per tutta la vita, oppure si può cercare il posto giusto per coltivare la propria idea. Lo si può fare nel rispetto del territorio e della tradizione, senza rinunciare ad un sogno che travalica i confini. Per spiccare il volo le ali servono più delle radici. E così un’allevatore di bestiame allo stato brado, dopo aver percorso le vie francesi del vino collezionando sapori, profumi e bottiglie, nel 1988, decide di fermarsi nella zona della val Luretta, sulle prime propaggini dell’appennino piacentino; sembra essere il posto giusto per provarci. Una vecchia vigna abbandonata in un territorio incuneato tra Piemonte e Toscana. Perchè no? L’idea è chiara quanto ambiziosa: provare a produrre un vino di livello internazionale che non abbia niente da invidiare a quelli assaporati in una vita da collezionista. Un vino che si possa misurarsi con i punti di riferimento dell’enologia rimanendo sempre piacevole e bevibile. Non dover scontare nessuna legame ereditario con il luogo, da apparente limite, si trasforma in eccezionale opportunità. Una terra che per tradizione è sempre stata identificata con una produzione senza troppe ambizioni, reinterpretata, può diventare il luogo giusto; la base ambientale è promettente, la varietà dei microclimi e le uve autoctone hanno grosse potenzialità, non manca il coraggio di affrontare i numerosi rischi e gli investimenti necessari, ne la voglia di svincolarsi dalla cultura vinicola dominante degli anni ottanta, ancora orientata esclusivamente alla massimizzazione dei profitti.
Abbinamenti arrosti, selvaggina e carni da lunghe cotture
Biologico -
Regione Emilia-Romagna

Recensioni utenti

Scrivi la tua recensione

Usa gli spazi per tag separati. Usa apostrofi singoli (') per frasi.